“Per alcuni scalatori dietro le montagne ci sono nuove aurore, per altri dietro le montagne c'è la fama. Per Casimiro c'erano aurore. Lui non si dimenticò del vento in faccia, delle cose semplici della vita e nemmeno di guardare in alto, verso le cime.”


Damian Fridman
La famiglia Giudici, proveniente dalla Val Seriana in Bergamasca arriva ai Piani Resinelli nel 1946 e prende in gestione il rifugio “Carlo Porta” del cai Milano. Negli anni che seguono tante sono le attivita’ ricettive di cui la famiglia si occupa ed in special modo il rifugio Rocca-Locatelli dove tre generazioni si susseguono nella gestione . Serena Giudici e Casimiro Ferrari si conoscono arrampicando in Grignetta e si sposano nella chiesetta del Sacro Cuore il 31 ottobre1964.

Casimiro Ferrari nato a Lecco il 18 giugno 1940 si e’ distinto per il suo spirito libero e indomabile che lo ha portato a seguire le orme degli antichi esploratori del Sud America. A differenza loro Miro sarà un esploratore di vette. Apre la sua carriera nel 1966 con la conquista dell’ Aconcagua, nel 1969 sale l’Jirishanca con Riccardo Cassin, l’Huantsan nel 1972 e poi un crescendo di spedizioni : Fitz Roy, Alpamayo, Nevado Sarapo, Cerro Murallon,Cerro Norte, Cerro San Lorenzo, Riso Patron, Aguja Bifida, Cerro Grande, cerro Hemul e Aguja Mermoz, Ama Dablam in Himalaya, Monte Kenia e Kilimangiaro.

Ma sarà la prima salita assoluta del Cerro torre nel 1974 che consegna Casimiro all’olimpo dell’alpinismo internazionale e gli fa meritare il titolo di cavaliere della repubblica. nel 1995 si trasferisce definitivamente in Patagonia dove acquista un’estancia con 4000 pecore e 200 cavalli. Quello e’ il suo habitat, vive serenamente fin quando la malattia vince su di lui. Muore a Lecco nel 2001.